Il noleggio stampanti, la testimonianza di un nostro lettore

Mi chiamo Gunther, e dirigo un centro postale in un piccolo paese dell’Alto Adige, posto a 1643 metri sul livello del mare. Un bel giorno la nostra bella, ma vetusta stampante decise che era il momento di chiudere la sua onorata carriera. I rulli interni si erano bloccati e non appena l’avviavo mandava lamenti elettronici.

A quel punto chiamai il tecnico della stampante, che dal paese vicino, posto a una mezz’ora di auto, si precipitò da noi. Appena le diede un rapido sguardo, si accorse che non c’era niente da fare. Dovevamo acquistare una nuova stampante.

Allorché lo stesso tecnico mi propose alcune soluzioni, tutte stampanti laser multifunzione con cassetti fino al formato A3 ed a colori, cioè con le stesse caratteristiche della precedente stampante, ovviamente notevolmente implementate con le più moderne tecnologie.

Fin qui tutto a posto, finché non uscì con i prezzi, veramente alti per il nostro piccolo centro postale.
Non potevamo sopportare al momento un costo così pesante.

Il tecnico, visto che oltre ad essere un amico era anche una persona onesta, mi disse che nel capoluogo effettuavano un servizio di noleggio stampanti a condizioni veramente vantaggiose e con la possibilità di avere dei contratti su misura e flessibili a seconda delle nostre esigenze.

Non ci pensai neppure un attimo, ringraziai il tecnico e composi il numero del centro di noleggio stampanti gallarate. Mi rispose una ragazza molto preparata, che rispose ad ogni mia accurata domanda. Mi promise che avrebbe inviato il giorno seguente un commerciale per discutere i termini contrattuali.

Così fu, il commerciale mi spiegò tutte le clausole che il noleggio della stampante avrebbe comportato ed alla fine stipulammo il contratto che ci permetteva di avere nell’arco di un paio di giorni una stampante moderna e performante a seguito di un piccolo canone mensile.

Quali sono gli interventi per una corretta manutenzione dei condizionatori?

La manutenzione condizionatori prevede dei particolari interventi da effettuare prima della sua accensione estiva. E’ assolutamente importante pulire filtri, erogatori e unità esterna, controllare i condensatori e rimediare eventuali perdite di gas, assicurando un buon funzionamento dell’impianto ed evitando sprechi energetici nel suo utilizzo. E’ risaputo che un guasto o un malfunzionamento nel condizionatore causa un aumento dei consumi energetici, molto spesso non riconosciuti in tempo, ma solo successivamente con l’arrivo della bolletta elettrica. La manutenzione condizionatori è prevista dal decreto legge 81 di aprile 2009 che impone l’obbligo di “sanificazione” ogni 2 anni, effettuando una pulizia molto approfondita del condizionatore con l’intervento di tecnici specializzati. Quali sono dunque gli interventi da eseguire?  

Gli interventi di manutenzione di un condizionatore 

Se vogliamo che il nostro condizionatore duri a lungo, sono necessari degli interventi che possono essere classificati come “salva condizionatore e salva bolletta”: 

  • controllo e verifica dei componenti principali del condizionatore; 
  • pulizia dei filtri per la deumidificazione, filtri pollini, con prodotti germicidi; 
  • pulizia dell’unità intera ed esterna del condizionatore; 
  • controllo del livello del gas. 

Per effettuare questi interventi di manutenzione condizionatori milano è necessario stilare un programma, in modo da verificare in maniera ottimale tutte le parti più importanti del proprio condizionatore, oltre alla tempistica dei lavori, che potrebbe impiegare del tempo. In qualsiasi regione italiana è possibile trovare un’azienda o una ditta che effettua la manutenzione condizionatori, per cui non sarà difficile prendere i contatti necessari e un appuntamento per valutare quali interventi sono realmente necessari. Infatti è possibile che il condizionatore necessiti solamente di una manutenzione ordinaria,  come il controllo del corretto funzionamento nel raffreddamento, per esempio e la pulizia dei filtri, salvo interventi di riparazione o di altra natura. Naturalmente, tutti questi interventi sono importanti non solo per salvaguardare il condizionatore in se ma soprattutto per una questione di sicurezza delle persone che vivono all’interno dell’abitazione. 

Noleggio stampanti con contratto “costo di copia”

Il noleggio stampanti con una soluzione “costo di copia” rappresenta un servizio per la gestione completa di stampanti multifunzione. Ne possono usufruirne aziende e studi professionali che vogliono la comodità del tutto incluso senza spese impreviste. Grazie a dei software integrati all’interno delle stampanti, l’azienda che fornisce i macchinari è in grado di effettuare un monitoraggio costante da remoto dei consumabili, agevolando in questo modo il cliente ed evitando così l’inoperatività della macchina.

A chi è rivolto il noleggio stampanti in costo di copia?

La soluzione di noleggio stampanti è indicata per aziende, attività professionali, PMI, uffici e studi di professionisti che vogliono avere la comodità del tutto incluso senza preoccupazioni di spese impreviste e senza la seccatura di dover ordinare e cambiare i consumabili grazie ad un sistema di controllo remoto compiuto dalla ditta fornitrice dei macchinari.

Vantaggi del noleggio

Il noleggio permette di sfruttare macchinari di ultima generazione con la comodità del tutto incluso, senza investimento iniziale e senza l’onere della rottamazione quando diventano obsolescenti o non corrispondono più alle proprie esigenze produttive. Attraverso la soluzione del noleggio stampanti vengono ridotti drasticamente i costi e l’impresa cliente potrà pagare per l’utilizzo della stampante in comode rate, senza gravare così sul bilancio aziendale.

Cosa comprende il costo di copia?

La formula del tutto compreso del costo di copia include:

  • interventi tecnici a domicilio da tecnici specializzati e certificati;
  • pezzi di ricambio originali;
  • materiale di consumo originale (toner, cartucce, carta).

Il contratto con costo copia tutto incluso prevede, a fronte di un piccolo canone mensile, generalmente corrisposto trimestralmente o semestralmente, l’utilizzo illimitato di materiali di consumo quali toner, fotoricettori (tamburo), parti di ricambio e l’assistenza tecnica per tutta la durata del contratto. Inoltre, nel corso della durata del contratto, adeguando il relativo canone, si potrà decidere di sostituire la stampante se le esigenze fossero cambiate o semplicemente si desiderasse l’ultimo modello più all’avanguardia.

Per maggiori info visita il sito di La Reprografica

Copri orecchie per cani

Tutti i padroni di cani sanno bene quanto la zona delle orecchie del proprio amico a quattro zampe sia estremamente delicata e che merita attenzioni particolari. In particolare, alcune razze più di altre necessitano di protezioni maggiori. Ecco quindi l’utilità di utilizzare dei copri orecchie per cani, specialmente per quelle razze con le orecchie lunghe e molto pelose. Adottare quindi dei copri orecchie non serve solamente per riparare il nostro amico a quattro zampe dal freddo. E’ un prodotto vivamente consigliato per evitare che le lunghe orecchie striscino a terra e di conseguenza, si sporchino o possano raccogliere forasacchi con il rischio di problemi al timpano e possibili infezioni come ad esempio l’otite. Diventa quindi un accessorio estremamente utile, specialmente nei mesi invernali più piovosi, per evitare che le orecchie si bagnino costringendo il cane a sedute di phon per asciugarle.

Tipologie di copri orecchie
In commercio (sia in un negozio fisico che online) è possibile trovare due diversi tipi ti copri orecchie per cani: a tubo e quello alla “pluto”.

Copri orecchie a tubo
I copri orecchie cocker a tubo indicati per i cani con le orecchie lunghe e pelose, come ad esempio i cocker. Sono realizzati in poliestere ma è possibile trovarli anche in cotone. Hanno una forma cilindrica, con due elastici alle estremità, in modo da permettere che si mantengano nella posizione corretta. E’ possibile trovare due diverse misure: small e medium.

Copri orecchie alla “pluto”
Si tratta di un prodotto che si adatta perfettamente alle orecchie del nostro amico a quattro zampe, in modo tale che non lo percepisca come qualcosa di fastidioso. E’ realizzato in materiale impermeabile e morbido che può essere lavato a mano in acqua fredda. Anche in questo caso è possibile scegliere due taglie: la small e la medium.

Depressione post trasloco, come evitarla

Degli studi scientifici hanno dimostrato che il trasloco può causare depressione, stress e ansia. Cambiare città e abitazione infatti, non è così semplice, ad esempio se da Milano si va a vivevere a monza affidandosi a traslochi Monza. Questo perché incide sulle abitudini quotidiane dell’individuo di adattarsi ad una nuova vita sociale. A maggior ragione se il trasloco non avviene per scelta ed è addirittura imposto, il soggetto prova una sensazione di fallimento, una perdita di autostima molto accentuata e cade in depressione. Cambiando casa, città, amicizie si soffre della sindrome dell’abbandono, ci si sente spaesati poiché si perdono i principali punti di riferimento. Oltre ad un disagio emotivo evidente, si deve affrontare la fatica fisica di carico e scarico degli scatoloni, sebbene si venga aiutati da una ditta specializzata. Come evitare di essere soggetti alla depressione post trasloco?

Evitare la fretta
Preparare gli scatoloni in fretta e furia è veramente controproducente. Infatti poiché si deve elaborare il lutto della vecchia casa, accelerare i tempi non fa che peggiorare lo stato di stress. Fare le cose con calma consente l’accettazione al cambiamento, rendendolo meno traumatico, in modo tale da fare degli acquisti mirati a rendere più accogliente la nuova abitazione.

Mettere dei soldi di lato
Avere dei soldi messi da parte è utile in caso di imprevisti. In questo modo vengono affrontati tutte quelle cose che non ci aspettiamo ( ad esempio si rompe qualcosa durante il trasloco). In questo modo saremo più tranquilli ad affrontare delle spese extra.
Fate attenzione ai ricordi
Quando si preparano gli scatoloni, potrebbe capitare di ritrovarvi nelle mani un oggetto del vostro passato, che vi potrebbe causare dei ricordi non sempre piacevoli. Attenzione quindi a non dargli troppa importanza, per non cadere nello stress.
Fate un giro nel nuovo quartiere
Una volta ultimato il trasloco, cercate di conoscere il quartiere in cui vi siete trasferiti. Uscite, fate una passeggiata rilassante, esplorate i negozi e sfruttate al meglio il posto in cui siete andati a vivere.